tag²: TLV

Avvertenze di carattere particolare

E’ fondamentale prendere in esame le indicazioni relative a:

1) operazioni sottovuoto: tutte le parti delle apparecchiature destinate a lavorare sottovuoto devono essere perfettamente integre e adatte allo scopo. Mai usare, per esempio, tappi di gomma, matracci o beute a fondo piatto. Si usino solo tubi di gomma da “vuoto”, in quanto hanno uno spessore maggiore. La riduzione della pressione e il ripristino della pressione atmosferica, che è raggiunto dopo raffreddamento dell’apparecchiatura, devono avvenire in modo graduale. Qualora la diminuzione della pressione sia provocata da pompe a olio, occorre disporre la pompa sotto la cappa; da questa infatti fuoriescono invisibili e pericolose goccioline di olio. La pompa meccanica deve essere fermata soltanto dopo avere riportato l’apparecchiatura a pressione atmosferica. Tutte le operazioni condotte sottovuoto, in particolare le distillazioni, devono essere eseguite da operatori protetti da appositi schermi.

2) Prevenzione dell’incendio: le principali norme di prevenzione dell’incendio sono:

– verificare le proprietà delle sostanze infiammabili che si utilizzano con una frequenza considerevole, con particolare riferimento al loro flash point;
– le fonti di calore (mezzi riscaldanti, Bunsen ecc.) devono essere lontane da pareti e da materiali infiammabili, prima di usare fiamme libere è necessario accertarsi che nei paraggi non siano in corso lavori con sostanze infiammabili;
– non si devono mai effettuare travasi in laboratorio, ma all’aperto, utilizzando appositi sifoni, pompe o dosatori;
– è necessario immagazzinare separatamente gli infiammabili, i comburenti e le sostanze incompatibili;
– non si devono versare nel lavandino o nella rete di scarico liquidi volatili, bassobollenti o sostanze pericolose: occorre stoccarle con le precauzioni sopra descritte e consegnarle a smaltitori autorizzati;
– le tubazioni di condotta del gas e affini devono essere periodicamente controllate, tenendo d’occhio la data di scadenza sovraimpressa (vanno comunque cambiate se si presentano indurite, anche se non sono ancora scadute).

3) In caso di incendio:

– è necessario soccorrere e allontanare le persone ustionate, telefonare al servizio sanitario e ai vigili del fuoco i cui numeri telefonici devono essere a portata di mano; intervenire con gli estintori a mano, rimuovendo, quando possibile, recipienti con sostanze infiammabili e pericolose;
– l’estintore migliore è la coperta antifuoco: sulla persona in fiamme devono intervenire non più di due persone;
– in caso di incendio su un’apparecchiatura è meglio allontanarsi, rinunciando all’uso della coperta: è preferibile che intervengano i vigili del fuoco;
– non usare l’acqua per spegnere il fuoco, salvo per parti in legno, carta ecc.

4) Tossicità: le cause della tossicità di una sostanza sono varie e sono collegate al meccanismo dell’azione che esse esercitano sulla persona. Per molte sostanze sono fissati i valori di soglia, cioè i valori di concentrazione nell’aria oltre i quali un’esposizione prolungata è dannosa per la salute dei lavoratori. Questo non esclude però che alcuni operatori avvertano disagio anche al di sotto di tali valori. Diverse le denominazioni dei valori di soglia:

– MAC (Maximum Allowable Concentration), fissati dalla ACGIH (American Conference of  Industrial Hygienists);
– MAK (Maximale Arbeitsplatzkonzentration), validi in Germania;
– TLV (Threshold Limit Value), che sono stati anch’essi fissati dalla ACGIH e, come gli altri, vengono verificati e aggiornati ogni anno.

I valori si esprimono in ppm, ossia mL/m3 d’aria, oppure in mg di sostanza/m3 d’aria.
La AIDII (Associazione Italiana degli Igienisti Industriali) ha adottato per gli ambienti di lavoro, quale valore limite di soglia, i TLV stabiliti dalla ACGIH. Per alcune sostanze il limite di tollerabilità tende a prevenire danni gravi alla salute, per altre si propone di eliminare patologie che causano irritazioni, forme di stress o di narcosi.
Essendo però diversa la risposta a seconda della persona, può succedere che qualcuno accusi disagio anche per i valori di concentrazione al di sotto dei TLV, anche limitatamente ad alcune sostanze.

16 dicembre 2008 Pubblicato da Francesca Brigida 0

Contatti

Per qualsiasi tipo di informazione, suggerimento, proposta, critica o richiesta, scrivici a info@chimicaorganica.net

Tag popolari

acidi Aforismi alcani alcheni anidride carbonica antipodi ottici atomi primari atomi secondari atomi terziari basi butano carbonio carbonio asimmetrico chimica chimica organica chiralità delocalizzazione elettronica dispense chimica doppio legame frasi GPL idrocarburi idrocarburi insaturi idrocarburi saturi isomeri isomeria isomeria di posizione isomeria di struttura isomeria geometrica isomeria ottica isomeri conformazionali isomeri geometrici laboratorio Lavoisier legame pigreco metano paraffine radicali liberi reazioni reazioni organiche serie omologa sostituenti stereoisomeri stereoisomeria teoria chimica